Pensare come uno “spider” per realizzare un sito web di successo

Per raggiungere un buon successo col vostro sito web c’è bisogno di qualcosa di più che la funzionalità e l’aspetto accattivante. Si tratta di un business complicato e i webmaster sono perennemente in lotta per cercare di ottenere i migliori posizionamenti nei motori di ricerca.
Il segreto sta nel “piacere” agli spiders dei motori di ricerca e quindi è necessario conoscere in dettaglio come funziona uno spider prima di costruire un sito.

• Gli spiders leggono il testo e non possono valutare immagini, colori o grafica. Così, una pagina dal design piacevole con poco o nessun contenuto riceverà una bassa valutazione. A meno che, si includa in formato testo l’eventuale contenuto delle immagini grafiche; inoltre fate incicizzare solamente le principali pagine di contenuto e non le pagine con solo grafica; infine è bene includere le descrizioni di tutte le immagini per mezzo del tag ‘alt‘ ed usare le parole chiavi che fanno riferimento a quelle immagini.

[ad code=5]

• Sappiate che i componenti che attirano gli spiders sono: il tag ‘title‘, i meta tag, i tag di intestazione (da <h1> a <h6>), parole chiave e link. Molti spiders valutano l’intero sito in base allo schema generale.

• Gli spiders leggono algoritmi e non prendono in carico l’intera pagina. Quindi, siate furbi come i giornali e come loro collocate le informazioni più importanti per prime. I titoli, le intestazioni e i paragrafi introduttivi devono presentare gli elementi essenziali.

• Mantenetevi aggiornati sui progressi tecnici e sul modo in cui i motori di ricerca esaminano i siti. Leggete le linee guida dei principali motori di ricerca, oltre a blog e forum dedicati al SEO e agli spiders.

Una volta che la pagina è stata progettata prendete in considerazione l’utilizzo di un simulatore di un motore di ricerca per valutare le vostre pagine. Su internet ne trovate di interessanti. Il report vi potrà chiarire dove è necessario apportare eventualmente qualche modifica. Un simulatore ti aiuterà anche a determinare se i collegamenti ipertestuali nelle pagine siano “reali”.

Gli esperti raccomandano di usare i tag invece dei menu Javascript.
Cercare di limitare i collegamenti ipertestuali a meno di 100 e controllare che non portino alle pagine 403 (Forbidden) o 404 (Page Not Found).
Gli spiders fanno uso di algoritmi per determinare la pertinenza delle pagine indicizzate. E’ consigliabile usare parole chiave che i motori di ricerca ritroveranno poi nel testo. Gli strumenti che trovate su Google Webmaster Tools potranno aiutare.
Usate Meta Keywords e Meta Description perché sono apprezzate dagli spiders.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *